lunedì 27 luglio 2009

E' estate. A meno di eventi particolarmente importanti, se ne riparla - forse - a settembre. Buone vacanze.




Come omaggio prima di staccare, non potevamo non ricordare quello scranno assessorile - ma anche quella faccia, quella maschera, quel carattere - che è la sintesi più adeguata di quest'ultima stagione politica.

mercoledì 22 luglio 2009

Hanno il cemento nella testa! Anche a Ponte Armellina vedono solo l'occasione per una speculazione edilizia

Ponte Armellina versa da sempre in condizioni difficilissime e il Comune di Urbino se ne è disinteressato. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore: l'importante è che i migranti stiano tra di loro e non si facciano vedere troppo in giro.

Ma chi ha costruito a Ponte Armellina e come lo ha fatto? Chi ha guadagnato e chi continua a guadagnare con quel ghetto, sulle spalle di gente povera e a volte disperata?

Basterebbe poco per dare una risposta a queste domande. Quel che sembra interessare a Ricci e Corbucci è però ben diverso: che si tratti di Ponte Armellina o del "distretto culturale," la vera partita riguarda ancora una volta il piano regolatore della città.

martedì 21 luglio 2009

Il lupo non perde il pelo e nemmeno il vizio, parte II


Hanno la faccia come il muro. Per non dire altro.

lunedì 20 luglio 2009

Il furbo Mechelli depista e non dice le vere ragioni per le quali ha deciso di rimanere fuori dalla Giunta. Interdiamo chi usa la parola "sinergia"



Siamo maligni e riteniamo che in realtà il furbo Mechelli abbia scelto con lungimiranza di non sputtanarsi in questa Giunta. Anche guardando a cosa accadrà dopo il congresso PD, visto che - se dovessero vincere D'Alema-Bersani - non sono escluse le scissioni.

sabato 18 luglio 2009

La cricca dei poltronai ha commissariato il circolo di Rifondazione a Urbino

A sinistra, una recente immagine dell'assessore Poltrona.

Ancora non abbiamo la conferma definitiva ma pare che sia proprio vero: ieri pomeriggio, in un rigurgito di demenza dovuto alla canicola, la segreteria provinciale di Rifondazione ha deciso il commmissariamento del Circolo di Urbino. Viene così destituito l'attuale Direttivo di Circolo. Un Direttivo assolutamente legittimo e nel pieno dei suoi poteri, ma che si è dimostrato troppo libero ed è è divenuto troppo scomodo in un partito dominato ormai dai poltronai a un tanto al chilo, dagli opportunisti e dai carrieristi dello strapuntino.

I principali responsabili della catastrofe di Rifondazione - Savelli, Poltrona e Demeli - invece di tornare in produzione si spalleggiano l'un l'altro, rilanciano e danno il colpo di grazia al partito. Un partito che del resto è da tempo in agonia, perché la maggior parte degli iscritti e dei simpatizzanti si è allontanata, disgustata da un modo di fare che ha reso Rifondazione uguale a tutti gli altri.

Adesso fa fin troppo caldo per interessarsi di questa faccenda piccola e meschina come coloro che l'hanno promossa. D'estate ci sono cose più piacevoli da fare. In settembre, alla ripresa politica, potremo capire meglio se vale la pena continuare a perder tempo con i poltronai oppure se questa è l'occasione giusta da cogliere per liberarsi di un incubo e fuoriuscire da una scatola ormai desolatamente vuota.

Svendita di beni pubblici a Urbino: il lupo non perde né il pelo né il vizio

Dal "Resto del Carlino" di sabato 18 luglio

venerdì 17 luglio 2009

La crisi continua a mordere. Ma i comunisti preferiscono pensare alle poltrone e nessuno se ne preoccupa

Sarebbe questo il terreno principale di intervento di una forza comunista, se ci fosse ancora e se non pensasse soltanto alle poltrone.